Alleviamo capre da cashmere facendole pascolare in libertà.
Le capre da cashmere sono animali ottimi per recuperare terreni abbandonati, sono molto rustiche, necessitano di poche attenzioni e possono stare tutto l'anno all'aperto a pascolare. Le facciamo pascolare in libertà in terreni degradati dall'abbandono di anni.
Inoltre per ripararsi dal freddo dell'inverno producono una soffice e morbida fibra, il cashmere appunto, che posso lavorare al telaio artigianalmente secondo gli insegnamenti dei nostri nonni. Questa fibra cresce dalla fine dell'estate in poi per proteggere l'animale dai rigori dell'inverno, poi in primavera, con l'arrivo dei primi caldi, viene persa per poi essere rinnovata l'inverno successivo.
Il "duvet" è la parte più sottile e fine di peluria del sottomantello ed è lo strato inferiore più soffice e lanoso, la parte più grossa con peli rigidi e ruvidi proviene del mantello esterno ed è chiamata "giarra". Per raccogliere il "duvet" si esegue una pettinatura manuale del mantello durante la stagione della muta.
La filosofia dell'azienda è ottenere prodotti il più naturali possibili, e per questo motivo la fibra non viene tinta, ma vengono mantenuti e valorizzati con sapienti giochi di tessitura i colori e le sfumature originari: bianco, grigio e beige.
Dopo un'accurata lavorazione, il filato ottenuto viene impiegato direttamente in azienda per essere tessuto su telai di legno, secondo la tradizione, e produrre morbide sciarpe, scialli o copertine.
Le capre ci forniscono anche il latte, munto nel periodo dello svezzamento dei capretti, che non viene utilizzato per produrre golosità alimentari, ma prelibatezze per la cura della nostra pelle: saponi e latti per il corpo.
Stiamo inoltre sperimentando una singolare iniziativa: noleggiamo le nostre capre a chi abbia bisogno di ripulire delle zone dalle erbe o arbusti infestanti. Sono un vero "rasaerba naturale", senza nessun consumo di carburante!